SCIACCART: 5 e 6 agosto

 

cover-940x357

Si avvicina l’appuntamento con il Festival della creatività SCIACCART, giunto alla sua VI edizione, che nella sua quarta edizione ristruttura la sezione mostre ed estemporanee artistiche puntando ad una “totalità” delle tecniche presenti e al loro utilizzo. Il 5 e il 6 agosto, presso il Complesso monumentale Badia Grande.

Accanto a musica, teatro, convegni e presentazioni di libri, si esibiranno artisti emergenti provenienti da Sciacca, che metteranno in mostra le loro opere e abilità in differenti categorie: creazioni artigianali, cartapesta, pittura e ceramica.

Le creazioni artigianali sono molto innovative e interessanti per le tecniche ed i prodotti utilizzati: si tratta di piccoli oggetti realizzati in vetro, stoffa o legno, molti dei quali con materiali di scarto. Il lavoro sarà svolto dal vivo durante le serate del festival, spaziando dal disegno, al decoro e alla pittura. Troverà gloria durante le magnifiche due sere anche la sezione cartapesta, la quale tecnica è presente nel sangue di molti artisti locali. Già, perché nel territorio di Sciacca si diventa “modellatori della carta” grazie alla passione verso il carnevale, festa che si ripete da più di 100 anni. I modellatori saccensi hanno conseguito risultati di rilievo all’interno delle associazioni con cui hanno collaborato e con le quali hanno raggiunto grandi successi. Durante le due serate di Sciaccart 2015 proporrà un’installazione divisa in 4 parti: dall’anima in ferro, passando alla carta modellata, fino ad arrivare alla sua pittura e lucidatura. Il lavoro verrà ripreso e proiettato dal vivo all’interno di altri spazi del Festival.

La pittura classica su tela vedrà come protagonista opere in acrilico, olio, tempera, acquerello, carboncino sanguigna e l’antichissima tecnica con l’uovo, spaziando dai ritratti ai dipinti di vario genere.

Per ultimo, ma non sicuramente per fascino e importanza la pittura ad olio su un materiale molto diffuso in città: la ceramica. Tecnica, questa, che mira a superare le convenzioni del passato conferendo un tocco innovativo ai materiali classici utilizzati per decorare la ceramica, considerato che i colori ad olio sono sempre stati utilizzati per la pittura su porcellana. La loro applicazione su un materiale più ”grezzo” come la ceramica è complessa e molto minuziosa. Il successo dei ceramisti saccensi rimane al giorno d’oggi uno dei fiori all’occhiello della città termale.

I protagonisti di queste due serate saranno i componenti delle relative sezioni, di ogni età, provenienti da diverse città che delizieranno i vostri sensi con le loro meraviglie.

 Link al programma

CondividiShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedInShare on TumblrEmail this to someonePrint this page