Creative Mapping Week alla FARM

149385_1576772709271657_328958590664083028_n

8, 10, 11 aprile l’appuntamento è alla FARM. La cooperativa di comunità Farmidable organizza Creative Mapping Week, workshop aperro alle facoltà di sociologia, antropologia, architettura, urbanistica, economia e design. In particolare, l’iniziativa si rivolge ai professionisti delle discipline che hanno un forte impatto sul territorio, cui è richiesta una conoscenza profonda del tessuto sociale verso cui è destinata la propria opera. La Cooperativa Farmidabile e Farm Cultural Park vogliono analizzare profondamente il territorio in cui operano dal 2010 grazie alla Creative Mapping Week: tre giorni di confronto, studio e ricerca sul campo utili a delineare un contesto sociale nella sua interezza. La Creative Mapping Week abbraccia un pubblico ampio ed è consigliata a tutte le persone che hanno collaborato con Farm Cultural Park e ad un massimo di 20 studenti e ricercatori che si affiancheranno alle forze locali messe a disposizione da Farmidabile.

Queste conoscenze solitamente si ottengono attraverso dati e fonti raccolte da altri. La Creative Mapping Week di Farmidabile offrirà un valido metodo per la raccolta dei dati in modo diretto attraverso osservazione, riflessione, comprensione, costruzione; rispondendo a tre quesiti fondamentali, come dare appeal ai dati? come raccoglierli in territorio complesso e stratificato? in che modo restituirli al pubblico perché siano compresi da tutti?

Risponderanno a queste domande per i tre giorni del workshop: Daniele Pario Perra /DU,
Carlo Colloca /UNICT, Pino Guerrera /UNIPA, Francesco Morace /FUTURECONCEPTLAB, Lillo Giglia/UNIPA,
Gianni Di Matteo /ADI SICILIA, Salvator John Liotta /CNRS-PARIS, Giancarlo Sciascia /FBK,
Natalia Worldarsky /CARLETON UN, Daniela Frenna, Antonio Liotta/FARMIDABILE, in un confronto aperto tra teachings inclusivi ed esperienze pratiche di mapping, storytelling e visual sociology.

I partecipanti saranno assistiti sul luogo dal tutoraggio di Carmelo Nicotra /CITTA’ PRIVATA, Viviana Cannizzo/IMPACT HUB, Nadia Castronovo e Calogero Sorce /SECOND LIFE e PUSH IT.

Le informazioni si otterranno grazie ad interviste ad un pubblico generico, e quanto più trasversalmente eterogeneo per estrazione ed età, in modo differenziato per orari e luoghi. La Creative Mapping Week di Farmidabile produrrà una grande varietà di materiali iconografici e testuali che diventeranno una mostra tematica e successivamente, elaborati dalla storyteller Amabile Spicu con l’aiuto di DETTOFATTO, materia utile alla pratica del cantastorie.

Gli obiettivi del progetto sono: l’implementazione delle risorse locali in rapporto a quelle globali con particolare interesse alle attività di rivitalizzazione del centro storico di Favara (e dei suoi contesti laterali) oltre alla valutazione dei processi di formazione di una nuova comunità.

Il workshop, che si articola nell’arco di tre giorni da mercoledì 8 a venerdì 10 aprile (con la possibilità di estendersi fino a sabato 11) ed è uno strumento indispensabile alla progettazione di servizi innovativi, con particolare interesse alle attività collegate alle esigenze di socializzazione e di formazione dei giovani, così presenti nelle economie moderne.

La partecipazione è gratuita, i pasti sono offerti dall’organizzazione, e ai partecipanti selezionati provenienti dalle università situate a più di duecento chilometri da Favara sarà garantita l’ospitalità in strutture locali. La Creative Mapping Week è aperta alla partecipazione di tutti ed è rivolta in particolare agli studenti delle facoltà di sociologia, antropologia, architettura, urbanistica, economia e design. Basta inviare un curriculum delle proprie attività entro il 3/4/2015 a info@farm-culturalpark.com, danielafrenna.df@gmail.com e per informazioni 3291105722.

Lectures e casi studio: elementi di sociologia del territorio, trend searching, visual socilogy, cultura materiale, urbanistica, comunicazione e progettazione partecipata. Mappatura visiva e concettuale del territorio: tour ufficiale/non ufficiale degli spazi di aggregazione cittadina, tra cultura emersa e underground, tra posti curiosi e non luoghi generazionali con particolare interesse a quelli frequentati dalle comunità/tribù giovanili. Saranno favorite le identificazioni di vuoti urbani e aree scarsamente pianificate che rappresentano ugualmente luoghi di incontro per la loro posizione sia geografica che culturale. Elementi di trend searching: indagine e ricerca storica, verticale/tempo – orizzontale/luogo, analisi dello scenario, rapporto con i comportamenti e le nuove tecnologie. Ricerca sul campo: raccolta informazioni, buone pratiche, casi studio local/global e analisi delle modalità di aggregazione e gestione dello spazio pubblico. Realizzazione di modelli in cartone in tre dimensioni: laboratorio di modellazione pop up in cui si trasformano le informazioni raccolte in modelli su cartone POP UP di cm 100 x 70 e oltre utili allo Storytelling Display. Presentazione dei dati e dei modelli: realizzazione della mostra di Farmidabile (22 giugno) e per la festa annuale di Farm (27 giugno).

CondividiShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestShare on LinkedInShare on TumblrEmail this to someonePrint this page